Mission

La Conseguenza della Violenza di Genere: GLI ORFANI DEL FEMMINICIDIO
Per ogni Donna uccisa, spesso c’e anche un Bambino che non può più chiamarla Mamma.
Le cronache focalizzano giustamente l’attenzione sulla donna uccisa e sul suo carnefice, trascurando però la stretta associazione tra “Donna e Madre”.

Minori o già maggiorenni, parliamo di bambini che in un istante, dopo l’efferato crimine, diventano Orfani. In un attimo la loro vita viene stravolta, trovandosi catapultati in un’altra realtà e l’omicidio è spesso solo l’epilogo di continue violenze domestiche alle quali questi
bambini purtroppo assistono quotidianamente. Gli Orfani del Femminicidio, sin da subito, non possono più vivere nella loro casa, perdono l’intero ambiente familiare e spesso non possono neanche recuperare le loro cose. Sono costretti ad abbandonare gli amici, le loro abitudini, la
scuola fino ad allora frequentata e la città di appartenenza.

L’ASSOCIAZIONE EDELA, rappresentata e diretta dalla Dott.ssa Roberta Beolchi, insieme a un team di eccellenti professionisti specializzati, desidera fortemente affrontare tutti i temi che coinvolgono i bambini nella loro sofferenza, di come crescono, della loro futura educazione,
affettività e delle conseguenze che affrontano dopo la separazione violenta dalla madre uccisa dal loro padre.
La triste e drammatica morte di una donna, infatti, è molto spesso accompagnata dal disagio che dovrà vivere la creatura nata dal frutto dell’amore tra l’assassino e la vittima. I bambini si ritrovano senza madre e senza padre, la prima persa per sempre, il secondo è in carcere a
scontare la pena o morto suicida.
Sono vittime che non si vedono, ma che vivono in mezzo a noi e continuano a soffrire silenziosamente ogni giorno, anche dopo che la mamma è stata uccisa. Spesso sono
molto piccoli: per loro il Tribunale dispone l’adozione o l’affidamento a terze famiglie.

Un esercito che non ha diritti e si ritrova con il futuro rovinato. Femminicidio, quindi, non significa solo donne uccise, perché si deve tenere conto il fatto che anche i Familiari, chi l’ha amata davvero, è ugualmente vittima.
Inoltre, a questo si aggiunge il dramma degli Orfani del Femminicidio: bambini che devono fronteggiare e convivere con quelle profonde cicatrici che scenari del genere lasciano, ma soprattutto al trauma di una violenta perdita genitoriale devono aggiungere l’incertezza del proprio destino.